Le Pavoniere

Immerso nel cuore del più grande polmone verde della città di Firenze, il Parco delle Cascine, circondato tra i suoi suoni e profumi, sorgono Le Pavoniere, un luogo magico, accogliente ed elegante.

Un luogo speciale rinomato per la sua magica atmosfera a due passi dal centro di una delle città più affascinanti del mondo.

Una location straordinaria ed immersa nel verde che vi permetterà di gioire di una delle più belle piscine pubbliche di Firenze, di un ristorante di pesce con pizzeria cotta a legna, del Bar-Caffetteria, dei nostri molti servizi come il noleggio dei Roller&Bike, l’area Kids&Family, gli eventi culturali, e molto altro ancora.

Vivere l’esperienza del parco delle cascine a 360° non è mai stato così semplice

Un’esperienza unica per ogni stagione.

Lo sapevi che…

Lo splendido parco urbano delle Cascine ha una storia plurisecolare alle spalle. Nacque grazie alla volontà del Duca Cosimo I de’ Medici, che nel 1563 commissionò un’immensa tenuta di caccia unita ad una fattoria di vaste dimensioni. Il toponimo “Cascine”, infatti, segnala in zona la produzione di formaggi, il “cacio” appunto. L’area individuata, già di proprietà dei Medici dai tempi del Duca Alessandro, non era certo casuale: collocata a pochi passi dalle mura cittadine ma già in pieno ambito rurale, una naturale cerniera tra la città e la campagna.

Con la fine della dinastia medicea (1737) e l’arrivo degli Asburgo-Lorena al governo del Granducato, le Cascine trovarono un nuovo sviluppo, plasmandosi sempre di più come un parco per le passeggiate, lo svago e il tempo libero. L’artefice di questa trasformazione fu l’architetto Giuseppe Manetti, incaricato nel 1786 da Pietro Leopoldo. Egli risistemò completamente i 160 ettari del parco, erigendo la Palazzina Reale, l’abbeveratoio del Quercione, la piramide della ghiacciaia e le Pavoniere, due eleganti tempietti neoclassici allora utilizzati come grandi gabbie per gli uccelli sul cui sfondo si staglia l’edificio che ospitava le guardie granducali.

 

Il parco, che sotto i Lorena veniva aperto solo durante occasioni speciali, diventò definitivamente pubblico con Elisa Baciocchi durante la parentesi napoleonica.

Nel 1869 le Cascine furono acquistate dal Comune di Firenze, quando la nostra città era Capitale d’Italia.

Il prato del Quercione divenne, tra l’altro, il teatro della nascita del calcio moderno a Firenze. Lì disputavano le loro partite, tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, squadre come il Florence Football Club, il Club Sportivo Firenze e la PGF Libertas.